venerdì 18 luglio 2014

Cosa dirai ai tuoi figli di me?


"Cosa dirai ai tuoi figli di me?"
Questa è la domanda che da quando ero una bambina mio padre era solito porgermi. Non capivo cosa volesse dire e con sguardo inebetito e ingenuo gli rispondevo "che devo dirgli? Ti vedranno!". Invece no...invece no! Mio figlio non lo ha mai conosciuto mio padre! A volte mi chiedo come sia possibile che Enzo non conoscerà mai una delle persone più importanti della mia vita, di cui,tra l'altro, porta il nome! Come è possibile? Poi la passione del momento lascia il posto ad una rassegnata ragione che si spiega questa assurda realtà dicendo che tutto sommato conoscerà il nonno...lo conoscerà attraverso i miei gesti e le mie parole, attraverso i miei occhi e i miei modi di essere! 
Più il tempo passa più ti riconosco in me caro papà, vedo le somiglianze...le mani...le dita uguali! Riscopro in me i tuoi modi di pensare che quando ero ragazzina tanto mi imbarazzavano e contestavo! Rivedo tutti i tuoi principi...ormai miei, rivedo la tua severità e la tua dolcezza, la tua passione, la tua dinamicità! Rivedo la tua tristezza nel vedere un mondo che ci sta stretto, che spesso non capiamo e che di certo non ci capisce! Rivedo noi...te e me come un unicum, senza un inizio ed una fine. Enzo ti conoscerà perchè anche lui sarà una nostra proiezione, avrà di me e di te...si riconoscerà in me e in ciò che gli dico di te...ritroverà il nonno nei suoi gesti, magari non saprà riconoscerti, ma tu ci sarai papà! Come ci sei stato sempre e ci sei sempre per me! Come
 un artista lascia sulla tela la sua impronta, un padre lascia sul figlio la sua orma, la traccia della sua esistenza! Sono stata la tua tela...mi hai dato colore e spessore, mi hai donato materia e significato! Ora sta a me parlare di te, del tuo gesto creatore, del tuo segno! Lo farò, spesso senza parlare, semplicemente vivendo come mi hai insegnato, rimanendo fedele alla traccia che hai impresso su di me che cercherò di rendere colorata e vivida in ogni istante, in modo che tu possa sempre vederla e riconoscerla...anche da lontano! Buon Compleanno Papà! Mi manca poterti abbracciare...ma abbraccio il piccolo Enzo mentre gli parlo di Te e so che Tu sei tra noi!
Perchè ne scrivo su questo blog? Perchè Arte per Te è un mio "figlio"...e voglio che anche lui sappia di Te...di me!

Essere genitore significa dipingere l'esistenza dei propri figli, ricordatevi sempre di usare tinte vivide, felici e coerenti! Insegnate ai vostri figli ad esser coraggiosi ed a non aver paura di nulla se non di Dio e dei limiti che ci autoponiamo!
Spero di non avervi annoiato...ma volevo fermare questo mio pensiero e renderlo visibile!
A presto!
Ombretta



Grazie Papà per essere stato mio Padre!

8 commenti:

  1. Ombretta,
    grazie per aver scritto questa pubblicazione, e aver condiviso con noi l'amore per il tuo Papà!
    Mi sono emozionata nel leggerlo, naturalmente non ho mai conosciuto il tuo Papà, cosa che ho fatto oggi attraverso le tue parole!
    Complimenti di cuore, lo dico sempre dal primo giorno che ti ho incontrato e te lo ripeterò all'infinito "Sei fantastica, e tanto umile”.
    Grazie Ombretta di essere apparsa nella mia vita...
    T.v.t.b. Antonella

    RispondiElimina
  2. Un abbraccio forte forte perchè so cosa si prova quando è fortissima la nostalgia

    RispondiElimina
  3. Le tue parole mi hanno veramente commosso...il tuo papà sarà orgoglioso di questa figlia così "speciale"!!! un bacio <3
    Anna De Marco

    RispondiElimina
  4. Cara Ombretta, quanta tenerezza in questo post, mi sono commossa perchè mi hai fatto rivivere momenti simili trascorsi con mio padre che ormai manca da 18 anni. I miei figli hanno avuto l'onore di conoscerlo e coccolarsi reciprocamente, anche se per poco tempo! Grazie per donarci parti di te così preziose!
    Un abbraccio affettuoso a tutti voi��
    Angela Emme

    RispondiElimina
  5. Che dolci parole...sentite e di cuore. Il tuo papà vive e vivrà per sempre in te...ed il piccolo Enzo lo conoscerà attraverso la sua mamma e la sua nonna...attraverso i vostri racconti...le foto che gli mostrerete....saprà sempre che nonno Vincenzo sarà l'angelo che proteggerà le vostre vite...tua Angela

    RispondiElimina
  6. Da ogni riga che hai scritto si percepisce tutto l'amore che provi per tuo padre. Enzo conoscerà il nonno attraverso il racconto dei momenti che hai vissuto con tuo padre. Sono sicura che tuo padre lassù sia molto orgoglioso di te e del suo piccolo nipotino. Dalle poche righe che hai condiviso con noi ho capito che tuo padre era un uomo speciale e anche tuo figlio potrà saperlo perché ha molte persone intorno a lui che possono raccontargli del nonno. Un abbraccio...

    RispondiElimina