lunedì 16 marzo 2015

Zentangle: una tecnica da imparare per imparare a disegnare!

Quante volte vi siete sorpresi, magari parlando al telefono, a comporre forme, orientando linee e punti in maniera magistrale, spesso sorprendendovi del risultato di ciò che è nato come uno scarabocchio? Molti "pasticciano" per concentrarsi all'ascolto, altri (la maggior parte) per alienarsi dal discorso che ascoltano distrattamente, focalizzano l'attenzione su un foglietto trovato per caso che diventa la valvola di sfogo, la una  finestra attraverso la quale fuggire da quel momento noioso!
Oggi vorrei catalizzare quell'energia creatrice e capace di grande evasione dalla parte analitica del nostro cervello (la sinistra), usandola per provare ad imparare a riconoscere le funzioni della parte destra del cervello che sono quelle che rendono possibile il disegnare e, al contempo, vorrei che si impostasse nella maniera giusta il movimento utile al disegno. Per far ciò vorrei parlarvi dello ZENTANGLE: un tipo di disegno che serve come mezzo catalizzatore per la meditazione, un metodo inventato e registrato  dagli americani Rick Roberts and Maria Thomas per raggiungere gradi di meditazione profondi.
A noi, in questa sede, poco interessa del metodo in relazione alla meditazione, ci serve di più come strumento per imparare a concentrarci sul foglio senza ammettere distrazioni e per gestire la fluidità del gesto in maniera da rendere il nostro disegnare un gesto semplice, fatto di movimenti pensati ma liberi da vincoli, dove anche l'errore può diventare un arricchimento all'opera. Ci serviremo dello stile Zentangle per superare la paura di sbagliare e imparare ad usare la parte destra del nostro cervello per disegnare...questo almeno sarà il primo passo!
Ma cos'è lo Zentangle,come si disegna con questo stile? Nulla di più semplice, molti di voi lo hanno già fatto senza neanche saperlo! Lo Zentangle originale prevede che si abbia una carta di ottima qualità ed una penna nera eccellente con cui tracciare un quadrato 8,5 cmx8,5 cm., all'interno di questo quadrato andranno poi disegnate delle linee guida in maniera del tutto casuale ed estemporanea che poi dovranno essere riempite  con sequenze di segni (grovigli),  che ne orpelleranno tutti gli spazi bianchi. Sarà la persona che disegna a dichiarare il disegno finito e lo stesso potrà riprendere ad orpellare il quadratino in qualunque momento, quando se ne senta l'esigenza. Proprio per questo è richiesto un formato piccolo e portatile. Le regole, perchè un disegno possa essere chiamato Zentangle,sono: 1- che il disegno sia fatto su carta bianca,con penna nera,
2che le misure siano quelle sopra dette (8,5x8,5 cm)
3) che il disegno non venga mai colorato
4) Che il disegno non abbia alcun elemento figurativo ma risulti astratto
5) che il disegno sia fatto in assoluta concentrazione.
Quindi possiamo dire che gli scarabocchi fatti al telefono non sono Zentangle, ma sono disegni in stile Zentangle.
Proprio questo faremo su Arte per Te, useremo lo Zentangle come stile e non come regola, ne prenderemo i concetti di costruzione e abbracceremo in assoluta libertà questa tecnica,creando opere in stile e non originali!Vi faccio vedere come ho realizzato il mio Zentangle da qui poi prescindere ed evolvere in forme libere di creatività:



Mi sarei potuta fermare qui,ma ormai il mio cervellino era partito...e quando parte chi lo ferma più!Scoprirete con questa tecnica capaictà di concentrazione insperate, e voglia,voglia di non lasciare quel foglio senza prima immettere altri 100 o mille segni...come una calamita attrarrà la vostra attenzione e come in balia di una frenesia creativa sentirete la voglia divertita di continuare...ancora e ancora!
Vi faccio vedere il mio "Ancora"?Eccolo!




Ma la mia è un'esperienza semplice, da neofita mi sono divertita come una bimba a comporre queste forme che prendevano vita sotto alla mia penna,senza che io avessi nessuna intenzione di metterle "nero su bianco".
Nessuna progettualità,nessuno scopo...solo una via da percorrere che può portare ovunque e che porta sempre da qualche parte...con la bellissima sorpresa finale di arrivare ad una meta sconosciuta ed affascinante: l'unico posto dove si sarebbe voluti arrivare potendo scegliere!
Vorrei farvi vedere una carrellata di disegni creati con questo stile, alcuni non riprodurranno alcuna forma se non quella della creatività di chi li ha fatti,altri invece comporranno immagini figurative...entrambe le forme bellissime! Osservate i moduli ed i grovigli e immaginate come voi avreste riempito quegli spazi!
Qui ne troverete davvero tantissimi:
https://www.google.it/search?q=zen+tangle&espv=2&biw=1600&bih=731&tbm=isch&tbo=u&source=univ&sa=X&ei=ghsHVYX0D4rWUYfyg-AF&ved=0CCIQsAQ#q=zen+tangle&tbm=isch&tbs=isz:l&imgdii=_&imgrc=ksGW0J7-9tptNM%253A%3Bn9-tbrSrUaTWvM%3Bhttp%253A%252F%252Ffc08.deviantart.net%252Ffs71%252Fi%252F2012%252F051%252Ff%252F5%252Fzentangle_by_elementjhedren-d4qgddd.png%3Bhttps%253A%252F%252Fwww.pinterest.com%252Fannemiekbouten%252F16a-doodle-zentangle%252F%3B1024%3B787
E qui ne ho selezionato qualcuno cercando a caso su internet, questi riproducono forme di animali Tutte opere prese da internet e non mie!!):






L'artista Banar Designs usa ornare volti di quadri famosi con orpelli in stile Zentangle, creando delle forme d'arte significative ed inusuali, guardate qui:





Ora sapete tutto ciò che c'è da sapere, se la cosa vi stuzzica provate, potete anche colorare il vostri disegni in stile Zentangle, ma prima guardate il video che ho girato dove vi spiego cosa voglio che carpiate da questa tecnica,per metterla "al servizio" del vostro saper disegnare!


 https://www.youtube.com/watch?v=gjRQ76CfHAE

mercoledì 25 febbraio 2015

Tintorsetto Lavatore di Tintoretto: un Made in Italy che ci inorgoglisce!

Ogni volta che sentivo il nome del prodotto di cui sto per parlarvi  sorridevo e focalizzavo un buffo animaletto che con le zampine si lavava la faccia! Fino a ieri il Tintorsetto Lavatore per me era questo!Da oggi, dal momento in cui ho avuto occasione di provarlo, è un amico inseparabile. E' nella mia natura  l'innamorarmi dei prodotti per belle arti che hanno prestazioni eccellenti, ovvio, mi aiutano ed io sono loro grata! Ma per il Tintorsetto provo qualcosa di più, qualcosa che perscinde da me e che è rivolta anche a chi si è sempre privato del piacere della pittura a causa degli odori e della tossicità degli ausiliari del dipingere. Questo solvente è magnifico!Non ha alcun tipo di odore, non altera la natura del colore, non ne rallenta l'essiccazione, non provoca allergie, non  è volatile...non è nulla di ciò ma è tantissimo altro! E' comodo, semplice da usare, rispetta il colore e non ne altera la tinta, rispetta la setola del pennello, solubilizza ma non disgrega il colore sulla tela...è magico! Credo che la Tintoretto abbia comprato il brevetto da Mago Merlino, perchè non ci sono altre spiegazioni!
Ora la domanda è: perchè non l'ho provato prima? La risposta è sempre la stessa: per paura di rovinare il denaro! Sono quindi contentissima di dirvi che se cercate un solvente che dia il minor numero di svantaggi (direi nessuno) ed il più alto numero di vantaggi il Tintorsetto è ciò che state cercando!
Favoloso e sicuro... consigliatissimo da Arte per Te!
Raramente sono così assolutista, spesso quando recensisco aggiungo la frase  "per il mio modo di dipingere", questa volta non lo farò, perchè il Tintorsetto va bene per tutti e di questo ne sono certa!


Vediamo in dettaglio le  caratteristiche del prodotto:

- miscela di oli di origine vegetale + tensioattivi e sostanze detergenti.
- non nocivo per l’ uomo e per l’ambiente
- biodegradabile
- assenza di composti organici volatili 
- assenza di emissione di vapori nocivi nell’atmosfera
- inodore
- punto di infiammabilità alto
- facilmente emulsionabile con l’acqua fino al 50%
- genera un’emulsione stabile
- attualmente risultante anallergico

In qualità di DILUENTE
- non altera le tonalità e le caratteristiche dei colori ad olio
- non prolunga i tempi di asciugatura del colore, secondo me diluendoli e rendendo il film pittorico sottile li accelera lasciando comunque il tempo necessario per svolgere con tranquillità il lavoro
- permette di dipingere in ambienti poco aerati in sicurezza e gradevolezza
- rende fluida la pennellata
In qualità di SOLVENTE
- rende elastica e vellutata la superficie del pelo lasciandola idratata e subito pronta per una nuova sessione di lavoro
- pulisce a fondo i pori dei peli
- dissolve il colore in maniera totale ed uniforme
- non rovina le fibre sintetiche
- possibilità di lavorare in ambienti domestici in tutta sicurezza e gradevolezza
- necessita di un minor quantitativo di prodotto rispetto ad altri prodotti e quindi si ha un conseguente risparmio
- prolunga la vita del pennello

 Come DILUENTE in pittura si usa così:
Prelevare la quantità di prodotto desiderata con un pennello e miscelarla su tavolozza esclusivamente con il colore ad olio .

Come SOLVENTE si usa così:
Colori ad Olio:Versare un modesto contenuto di prodotto in un recipiente (anche di plastica) ed intingere le setole del pennello facendole scaricare del colore, quindi consiglio sempre di lavare il pennello con acqua e sapone di Marsiglia prima di conservarlo per lunghi periodi, per pause tra una sessione di lavoro e l'altra si può anche evitare il secondo passaggio:

Acrilici: Versare una modesta quantità di prodotto e diluirla sino ad un max del 50%,quindi intingere il pennello e scaricarlo del colore,quindi in questo caso io consiglio sempre una detersione ulteriore con acqua e sapone.


Stato fisico: Liquido incolore
Odore: Nessuno
Temperatura di ebollizione >200 °C
Punto di infiammabilità >150°C
Densità 0.850 g/cm3
Solubilità in acqua: emulsionabile
Solubilità in solvente: solubile
Conservare in luogo fresco e ben ventilato.
Mantenere chiuso il recipiente quando non è utilizzato.
Conservare lontano da fonti di calore.
Informazioni tossicologiche: non cancerogeno, non mutageno (non è in grado di provocare mutazioni al patrimonio genetico attraverso componenti chimiche) , non teratogeno (non può provocare in nessun modo danni al feto,quindi sicuro per le donne in gravidanza).
Informazioni ecologiche: biodegradabile.

Prezzo di vendita al pubblico (prezzi approssimativi)
con. da 1 litro euro 32,00
conf. da 500 ml. euro 20,00
conf.da 250 ml. euro 11,00
conf. da125 ml. euro 7,00

Azienda Produttrice :Tintoretto (Italy)
  Spero che questo post vi sia utile come approfondimento al video su Youtube:





.
Un grande bacio ed al prossimo post!
Ombretta

lunedì 19 gennaio 2015

Vincitore del Giveaway dei nostri quattro anni insieme!

video
Mettiti in contatto con me e sarò lietissima di inviarti ciò che hai vinto!
Un bacio a tutti e grazie per aver partecipato!!!
Ombretta

giovedì 8 gennaio 2015

Je suis Charlie!

Chi sono io per parlare di argomenti così importanti? Cosa ne so delle dinamiche essenziali dell'esistenza? Non mi occupo di politica, non seguo le dinamiche di potere, ho un mio credo...sono davvero l'ultima persona che può affrontare un tale argomento! Ma...c'è un ma! Io parlo attraverso l'immagine, mi esprimo e scrivo figurativamente, delego ad una matita o ad un colore il mio pensiero, gli do forma e lo diffondo! La mia libertà si esplica attraverso l'arte, fruendo di quella degli altri e diffondendo la mia, per quanto piccola sia! Ho sempre creduto nella forza delle immagini, nella semplicità e naturalezza della divulgazione tramite figura, ho sempre saputo che la più grande forma di comunicazione è data dall'impatto visivo, ve l'ho sempre detto! Credo fortemente che si limiti la libertà delle genti limitando la diffusione del sapere artistico...proprio per questo sono sul web a condividere ciò che so!
Oggi però voglio dire la mia e la voglio dire a modo mio,attraverso un'immagine che ho voluto comporre! Per quanto inutile sia, mi sento troppo schiacciata da questa difficile realtà, che "spezza le matite" credendo di far tacere: una matita spezzata non muore ma diventa due matite! Ecco, solo questo è il mio pensiero!


Siate liberi, impugnate le vostre matite e disegniamo insieme un mondo migliore!


Ombretta